Vai menu di sezione

Novità sulla restituzione in ritardo di libri e altro materiale della biblioteca

Disposizioni in vigore da martedì 15 gennaio 2019
immagine decorativa

La Giunta comunale ha approvato le nuove disposizioni per la gestione dei ritardi nelle restituzioni (Deliberazione n. 127, 29/10/2018).

Con le nuove modalità in vigore da martedì 15 gennaio, il pagamento della sanzione per il ritardo nel riconsegnare il libro (o Dvd, o Cd, o altro materiale preso in prestito in biblioteca) non è collegato all'invio del sollecito.

Il primo avviso di ritardo non sarà un sollecito vero e proprio bensì una semplice nota di cortesia senza sanzione: la biblioteca avviserà l'utente ritardatario che il suo prestito è scaduto e che il materiale va riconsegnato al più presto in biblioteca.

L'invio di un sollecito è una nota di cortesia rivolta all'utente, il quale, prima ancora di prendere a prestito un documento, sa quanto dura il prestito stesso e sa che esistono sanzioni per la ritardata consegna.
E' quindi giuridicamente tenuto a restituire i documenti nei termini conosciuti e secondo scadenze predeterminate e note.

Le sanzioni decorrono dopo che siano trascorsi invano rispettivamente

  • 10 giorni naturali consecutivi dal giorno di scadenza del prestito (1 euro per ciascun documento restituito in ritardo)
  • 20 giorni naturali consecutivi dal giorno di scadenza del prestito (2 euro per ciascun documento restituito in ritardo)
  • 30 giorni naturali consecutivi dal giorno di scadenza del prestito (3 euro per ciascun documento restituito in ritardo)

La sanzione di 10 euro viene applicata dopo che siano decorsi inutilmente 40 giorni naturali consecutivi dalla scadenza del prestito.

Perché il sistema funzioni senza intoppi è necessario che l'utente indichi tempestivamente ogni variazione di indirizzo a cui la biblioteca possa inviare le comunicazioni.

Posizione GPS

Come arrivare

Pagina pubblicata Giovedì, 10 Gennaio 2019

Iscriviti alla newsletter

torna all'inizio del contenuto